Tu sei qui

Messaggio di errore

Notice: Undefined index: disabled_javascripts in eu_cookie_compliance_page_build() (linea 306 di /web/htdocs/www.is1suzzara.gov.it/home/sites/all/modules/eu_cookie_compliance/eu_cookie_compliance.module).

AmnestyKids

Versione stampabileVersione PDF

PARTE IL PROGETTO AMNESTYKIDS!

Dove iniziano i diritti umani universali? In piccoli posti vicino casa, così vicini e così piccoli che essi non possono essere visti su nessuna mappa del mondo. Ma essi sono il mondo di ogni singola persona; il quartiere dove si vive, la scuola frequentata, la fabbrica, fattoria o ufficio dove si lavora. Questi sono i posti in cui ogni uomo, donna o bambino cercano uguale giustizia, uguali opportunità, eguale dignità senza discriminazioni. Se questi diritti non hanno significato lì, hanno poco significato da altre parti.                                                                                                                                                                            Eleanor Roosevelt

 

Nel 2016, almeno 22 Paesi hanno registrato vittime per aver sostenuto pacificamente i diritti umani. Sono i difensori dei diritti umani, appartengono a ogni condizione sociale: sono insegnanti, studenti, giornalisti, avvocati, vittime di violazioni e loro familiari, sindacalisti, ambientalisti e altro ancora. Sono persone che tutelano l’ambiente, difendono le minoranze, le donne, dicono no alle ingiustizie.

Il progetto Amnesty Kids, promosso da Amnesty International Italia, quest’anno è dedicato proprio alla difesa e al sostegno dei difensori dei diritti umani.

Gli scopi che ci proponiamo sono due: innanzitutto far conoscere agli alunni delle classi prime del nostro istituto cosa sono i diritti umani, partendo dal documento, la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, adottato dalle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948; inoltre sostenere le persone che hanno CORAGGIO, unirci a loro, proteggerle, difenderle, e trovare il CORAGGIO di agire a nostra volta, perché crediamo fermamente che sia “meglio accendere una candela che maledire l’oscurità”.